TERRITORY - Cultura dell'abitare - RietiLAB

Vai ai contenuti

Menu principale:

DÈSPINA E LE CITTÀ INVISIBILI (O INVIVIBILI?)

Pubblicato da in TERRITORY ·
Tags: Rigenerazione
Nell'antica lingua greca, Dèspoina è il femminile di Dèspotis, despota. Significa "Signora, Padrona" e sembra derivare dal sanscrito Dasa-pati, "Padrone di casa" o anche "Signore dei nemici", "Colui che ha potere", da cui infine il latino "pater". Nella letteratura mitologica, Dèspina è figlia dell'unione di Demetra e Poseidone, dopo la loro metamorfosi in cavalli; è sorella di Arione, anch'egli nato puledro dagli stessi genitori. E Dèspina, infine, è anche il nome di una delle Città Invisibili di Italo Calvino, quella di cui Marco Polo racconta a Kublai Kan che "Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone".

LA STABILITA' DELLE PIANTE E' INFLUENZATA DALL'INTERVENTO DELL'UOMO?

Pubblicato da in TERRITORY ·
Tags: Città/Campagna
Il verde è un’entità necessaria alla collettività, perché svolge funzioni ecologiche - ambientali, protettive, estetico - architettoniche, sociali e ricreative. Gli alberi che vegetano in ambiente urbano rispetto a quelli che si trovano nei boschi, risentono di stress elevati dovuti allo smog, al passaggio continuo di mezzi sull’apparato radicale, alle ferite dovute ad impatti con automezzi o ad incisioni causate dal vandalismo, ad eventi climatici sfavorevoli; la loro sofferenza, tuttavia, è dovuta in molti casi all’incuria e all’imperizia con cui vengono mantenuti e manutentati.

DA MILANO A L'AQUILA: I CENTRI STORICI TRA BOOM E RINASCITA

Pubblicato da in TERRITORY ·
Tags: Cultura
Quanti di noi avranno avuto un senso di leggero straniamento percorrendo le strade di numerosi centri storici italiani? Ci limitiamo alle città cosiddette “grandi” e “medie”, ossia quelle che storicamente mantengono da vari secoli la propria funzione di polo di attrazione per il territorio circostante, provincia, regione o nazione intera. E ci limitiamo anche al nostro Paese, non perché i fenomeni che descriveremo siano esclusivamente italiani, ma lo sono in gran parte i presupposti economici e culturali.

TRA BORGO E CITTA’. IL PONTE ROMANO SUL VELINO – il ‘600

Pubblicato da in TERRITORY ·
Tags: Storia
Il Velino non accompagna romanticamente la storia di questa città ma la determina profondamente. Da sempre, nel bene e nel male, ha condizionato la vita degli abitanti. Ha obbligato gruppi di potere politico e economico di ogni tempo ad avere un continuo rapporto con esso, ha determinato i rapporti tra Rieti e le città vicine provocando perfino scontri armati, ha stabilito di che cosa dovessero vivere gli abitanti del contado prima pescatori e poi agricoltori, poi di nuovo pescatori e quindi pescatori e agricoltori insieme, ha imposto loro i tempi e le modalità con cui coltivare la terra, trasformare i prodotti, costruire le case al punto che ha perfino disegnato l'immagine stessa di questa città, segnandone la divisione in due parti distinte.

RIETI: CITTA’ E FIUME

Pubblicato da in TERRITORY ·
Tags: Paesaggio
Il rapporto tra città e fiume dalla modernità a oggi Il rapporto tra città e fiume è un tema a lungo discusso e studiato; esso si intreccia con l’evoluzione della città a partire dalla modernità, epoca di forte industrializzazione, di accelerata urbanizzazione, ma anche di un progressivo ruolo emergente della tecnica e di un radicale cambiamento del rapporto tra uomo e ambiente (Scandurra, 1995, 2003).
Successivo
Ultimo aggiornamento 11/02/2016
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu